Informativa sui Cookie

Gli svariati benefici delle mele li conosciamo già da tempo, è infatti, uno dei primi frutti che si inizia a dare ai bambini ed è normalmente consigliato anche negli adulti e negli anziani. Le mele contengono molte fibre, vitamine e minerali utili all’organismo, tra le mele che già conosciamo però, ne compare una, che va a contraddistinguersi dalle altre: la mela annurca.

La mela annurca è l’unica mela italiana originaria del sud, precisamente della Campania, dove le coltivazioni si concentrano in modo particolare nel napoletano, casertano e beneventano.  Il suo nome, caratteristico, deriva da “mela orcula”, prima denominazione del frutto, di epoca romana.

La mela annurca è caratterizzata da forma tondeggiante leggermente appiattita, buccia liscia e cerosa e un colore rosso vivo e brillante, sfumato di arancio verso il picciolo. La polpa, di colore bianco, si presenta compatta, croccante, succosa e molto profumata, con un sapore molto aromatico, che cambia a seconda delle varietà.

La caratteristica della mela annurca, che la contraddistingue da tutte le altre, è quella di non maturare sull’albero, ma al suolo, dopo essere stata raccolta acerba. Il peduncolo, infatti, è molto sottile e non permette di sostenere il peso del frutto, così che la mela cade a terra ancora non matura. Al fine di evitare ammaccature, gli agricoltori raccolgono pertanto le mele prima della maturazione e le ripongono nei melai, appositi teli di canapa distesi sul terreno ed esposti al sole, così da permettere la maturazione.

La mela annurca: un aiuto contro la calvizie ed il colesterolo cattivo

Le mele annurche devono le loro proprietà principalmente alla presenza di polifenoli che, come confermato da uno studio del dipartimento di Farmacia dell’Università “Federico II” di Napoli, si dimostrano efficaci, ad esempio, contro calvizie e colesterolo cattivo.

La mela annurca è inoltre caratterizzata da un alto contenuto di acqua (circa l’84%), è molto ricca di vitamine, soprattutto A, B, C e PP, acido malico, acido ossalico, ma anche diversi minerali, in primis potassio, calcio, magnesio, manganese, ferro e fosforo, mentre è povera di sodio. Anche la quantità di fibre è abbondante, per lo più pectine (concentrate principalmente nella buccia), inoltre la mela annurca contiene una discreta quota di carboidrati (di cui il 10% di zuccheri), mentre è povera di lipidi e proteine. Nonostante la dolcezza tipica di questo frutto, l’apporto calorico è molto ridotto, considerando che 100 grammi di prodotto forniscono soltanto 40 Kcal, similmente all’indice glicemico, molto basso.

Con la mela annurca ricudiamo il colesterolo totale aumentando i livelli di quello buono (HDL)

La proprietà più nota della mela annurca è certamente la sua efficacia nel contrastare livelli alti di colesterolo, la mela annurca sembra essere in grado di ridurre il colesterolo totale e, al tempo stesso, incrementare i livelli di quello buono (HDL). Questa capacità sembra essere dovuta all’elevatissimo contenuto di un gruppo di polifenoli, le procianidine, molto superiore rispetto a quello che si riscontra in qualsiasi altra mela. Le procianidine, nello specifico la procianidina B-2, sembrano avere ottimi effetti anche nella cura delle calvizie, in quanto in grado di consentire efficacemente la ricrescita dei capelli, con un aumento significativo anche del diametro dei capelli.

Una mela al giorno… con un grande potere antiossidante

Come tutte le mele, la annurca ha un elevato potere antiossidante, grazie sempre ai polifenoli, utile quindi a mantenere in salute organi e tessuti contrastando efficacemente l’invecchiamento cellulare, e a proteggere l’apparato cardiovascolare.
La mela annurca ha ottimi benefici anche sull’intestino, “innanzitutto per l’elevato contenuto di fibra, utile al transito intestinale, ma anche per la presenza di cellulosa nella buccia, che favorisce la digestione.

La mela annurca sostiene la funzionalità renale e sembra stimolare e favorire la diuresi.

Grazie agli studi effettuati e tutt’ora in corso sulla mela annurca siamo a conoscenza di un’altra risorsa che la natura ci offre per la nostra salute!